AlboPRESS
Diletta Pisauro

IL MIO PROFILO

Diletta Pisauro
Venosa
29 aprile 1994

luogo di residenza
Rionero in Vulture

Studente
Liceo Classico
Rionero in Vulture

GIORNALE WEB

componente del giornale web
IL GIORNALE ON LINE D'ISTITUTO
diretto da
ROSA DI LONARDO - Giovanni Plastino
Scientifico "Brocca" / Socio-Psico-Pedagogico "Brocca"
I.I.S. "G.FORTUNATO"
di RIONERO IN VULTURE (PZ)

ARCHIVIO ARTICOLI

Il Volo dell'Angelo: Basilicata da cardiopalma!

gio 29 dic alle 11:13 - visite 624

http://www.youtube.com/watch?v=Sro4p46oVd8

Ottanta secondi di adrenalina pura. Sospesi a 100 metri di altezza, si vola a 120 chilometri orari spinti solo dal proprio peso e dal dislivello, con il fischio del vento nelle orecchie e sotto gli occhi il paesaggio metafisico delle Dolomiti Lucane. Negli USA lo chiamerebbero “scenic flight”. In Basilicata è il Volo dell’Angelo, secondo il Manchester Evening News Travel “un'esperienza da fare assolutamente prima di compiere 30 anni”. In poche stagioni - quella che si apre il 16 maggio è la quarta estate che si può provare - il Volo è diventato il fiore all’occhiello di un turismo fuori dagli schemi. Capace di stupire trend setter e viaggiatori in cerca di forti emozioni.
Al di sopra delle Dolomiti Lucane, nel cuore della Basilicata, un cavo d’accaio sospeso tra le vette di due paesi, Castelmezzano e Pietrapertosa permette di vivere un’esperienza ed un’emozione unica: il Volo dell’Angelo. Si tratta di un attrattore che permette una fruizione innovativa del patrimonio ambientale rispondendo ad un nuovo modo di intendere il tempo libero e lo svago, teso sempre più a vivere nuove esperienze e a cercare nuove emozioni. Un’avventura a contatto con la natura e con un paesaggio unico alla scoperta della vera anima del territorio. Legati con tutta sicurezza da un’apposita imbracatura e agganciati ad un cavo d’acciaio,il visitatore potrà provare per quale minuto l’ebbrezza di volare e si lascerà scivolare in una fantastica avventura, unica in Italia,ma anche nel Mondo per la bellezza del paesaggio e per l’altezza massima di sorvolo.
Arrivati in uno dei due splendidi borghi, si avrà la possibilità di girare tra le abitazioni, incastonate tra le rocce, di fare suggestive escursioni storico-naturalistiche, di degustare i prodotti locali ma soprattutto godersi lo splendido panorama circostante da una nuova visuale, insolita e soprattutto ricca di emozione. Quello che si presenterà agli occhi del visitatore, infatti, sarà un panorama che di norma è privilegio delle sole creature alate: uccelli ed angeli. Giunti nella zona d’arrivo del paese di fronte, gli "angeli" torneranno con i piedi per terra e, liberati dall’imbracatura potranno raggiungere il centro del paese prima e la partenza dell’altra linea poi, grazie ad una navetta. E a quel punto il sogno ricomincerà sospesi tra cielo e terra. L’ebbrezza del volo si potrà provare su due linee differenti il cui dislivello è rispettivamente di 118 e 130 metri.
La prima, detta di San Martino,che parte da Pietrapertosa (quota di partenza 1020 metri) e arriva a Castelmezzano (quota di arrivo 859 metri) dopo aver percorso 1415 metri,raggiungendo una velocità massima di 110 Km/h.
La seconda linea, invece, permetterà di lanciarsi da Castelmezzano (quota di partenza 1019 metri) e arrivare a Pietrapertosa (quota di arrivo 888 metri) toccando i 120 Km/h su una distanza di 1452 metri!

 

commento

soci AlboPress   Navigatori
e-mail:
password:
nome:
e-mail: